Le ragioni del NO

14) L'”OPZIONE ZERO” (ovvero la passibilità di non realizzare l’impianto) non viene neanche
considerata, in mancanza di pirolisi il Consorzio ECOPNEUS procederebbe tranquillamente secondo i tre obiettivi specifici che da anni si è posto, applicando il trattamento A FREDDO della
frantumazione degli pneumatici ed evitando problemi ambientali e sanitari al territorio:
A) sviluppare le applicazioni in impianti sportivi;
B) stimolare l’uso della gomma riciclate nella realizzazione di asfalto
C) favorire la produzione di arredi di gomma

15) L’impianto sorgerebbe a meno di 100 metri dalla GREENWAY, primo tratto di un percorso verde
che si sviluppa lungo la ex ferrovia Voghera-Varzi. L’intervento pubblico è costato 800mila euro
cofinanziati da Regione Lombardia. L’attuale percorso, di 13,4 km, è apprezzato dalla popolazione
ed ampiamente utilizzato da sportivi e turisti. Si prevede la sua estensione e il collegamento in
affiancamento alle vie d’acqua che conducono a Milano. L’impianto di pirolisi è quindi in netto
contrasto con gli investimenti finora effettuati.
16) L’area attorno alla zona in cui si vuole far sorgere l’impianto è a vocazione ecoturistica e
destinata da oltre cento anni al TURISMO TERMALE. Nel raggio di 3 km sono presenti tre
stabilimenti termali con piscine e parchi. Le attività commerciali più attive si concentrano
sull’accoglienza e la ristorazione. Si può tranquillamente affermare che la realizzazione di questo
impianto causerebbe impatti invasivi al territorio circostante, non solo dal punto di vista ecologico,
ambientale e paesaggistico, ma rilevante nocumento anche dal punto di vista economico.

EXCURSUS TRA LE RAGIONI DEL NO
   icona

I commenti sono chiusi